Radio Bologna Uno - Sportivamente Classica
Notizie a cura della redazione de "IL PALLONE GONFIATO"

Da Acquafresca a Petkovic: Destro è sempre senza concorrenza


Petkovic completerà il reparto offensivo del Bologna che da due anni ha scelto di non fare mai ombra  e concorrenza a Mattia Destro

– di Marco Vigarani –

Bruno Petkovic è la stella del Trapani (ph. SportFace)

Bruno Petkovic è stato la stella del Trapani ed oggi tenta il grande salto in Serie A (ph. SportFace)

Nella giornata di oggi è attesa l’ufficialità dell’operazione ma possiamo già tranquillamente considerare Bruno Petkovic un giocatore del Bologna. Il ragazzo arriva dal Trapani a titolo definitivo e sarà rossoblù fino al 2021: un impegno decisamente lungo per entrambe le parti in causa che rappresenta evidentemente un investimento per il futuro. Ben più di Sadiq, arrivato soltanto in prestito con diritto di riscatto e controriscatto, Petkovic diventa oggi una vera e propria scommessa per un Bologna che dovrebbe consegnargli il ruolo di vice Destro al posto di Floccari, in uscita nelle prossime ore. Fisico imponente abbinato ad una tecnica notevole e carattere descritto come deciso se non fumantino, il 22enne croato però evidentemente non ha il pedigree per impensierire il numero 10 rossoblù nell’undici titolare. Petkovic ha infatti collezionato finora in carriera appena 5 presenze in Serie A, 56 in Serie B e 15 il Lega Pro: si tratta del curriculum di un talento tutto da scoprire che non può in alcun modo essere presentato come un potenziale titolare nel Bologna di Donadoni e Saputo, squadra che dichiara di puntare a migliorare il piazzamento dello scorso anno. Dall’estate 2015 il diktat in sede di mercato è sempre stato quello di cercare attaccanti in grado di offrire soluzioni più o meno valide ma assolutamente non di mettere in ombra nè in discussione il ruolo di Destro, principe designato del gol in rossoblù che deve in realtà ancora guadagnarsi la corona.

La grinta di Mattia Destro dopo il gol al Crotone (ph. Schicchi)

Nessuna concorrenza a Mattia Destro dall’estate 2015 ad oggi: sarà Petkovic l’uomo giusto? (ph. Schicchi)

Al suo arrivo a Bologna tra ali festanti di folla in stazione, l’ex Roma e Milan aveva trovato in rosa la concorrenza di Matteo Mancosu e Robert Acquafresca con il primo incredibilmente a segno per la prima volta in maglia felsinea nell’esordio stagionale a Roma. Non si ripeterà. Per il sardo prelevato dal Trapani appena 9 presenze prima di salutare l’Italia ed accasarsi al Montreal Impact trovando fiducia, spazio e feeling con il gol. Acquafresca invece si è accontentato di appena 4 comparsate nel girone d’andata alle quali se ne sono aggiunte altre 2 in quello di ritorno (compresa l’incredibile maglia da titolare a Napoli). Con Destro messo fuori gioco dall’infortunio rimediato a San Siro, è stato allora Sergio Floccari a godere dell’investitura di centravanti titolare: arrivato dal Sassuolo come dodicesimo uomo, l’esperto attaccante calabrese ha collezionato 18 presenze ma la miseria di 2 gol. In estate però è stato confermato nel ruolo di vice Destro ed in extremis è stato aggiunto al parco attaccanti anche il giovane Umar Sadiq ma per i due colleghi di reparto c’è stato più spazio in infermeria che in campo. Sono infatti scesi in campo 5 volte a testa senza mai segnare. Ora tocca a Petkovic entrare nel solco tracciato di una concorrenza quantomeno flebile a Destro con la speranza che la salute possa assisterlo più di quanto accaduto ai suoi predecessori e che magari Donadoni possa scoprire nel giovane croato qualcosa più di una bella scommessa.