Radio Bologna Uno - Sportivamente Classica
Notizie a cura della redazione de "IL PALLONE GONFIATO"

Il quarto d’ora da incubo di Donadoni: 27 gol subiti e 17 punti persi


Nell’ultimo quarto d’ora di gara il Bologna di Donadoni si scioglie e perde troppi punti per strada. Incrementata una tendenza già evidenziata lo scorso anno

– di Marco Vigarani –

Sul calo di rendimento e soprattutto di attenzione del Bologna nel corso del finale di gara in questa stagione si è già detto e scritto a lungo, si sono spesi fiumi di parole per raccontare quella che appare una tendenza suicida alla quale non è stato ancora posto rimedio. Evidentemente Donadoni ed il suo staff non sono riusciti a capire come impedire questo pericoloso declino negli ultimi 15 minuti di gara che ha depauperato pesantemente una classifica rossoblù che, al netto dei gol subiti in questo lasso di tempo, potrebbe essere decisamente più lusinghiera e godere addirittura di una vista sulla zona Europa. Se il futuro è quindi ancora un’incognita e non possiamo sapere se il Bologna riuscirà ad evitare di incorrere sempre negli stessi errori, possiamo però provare a guardare al passato per capire se nella scorsa stagione ci siano stati segnali premonitori non interpretati a dovere.

Media di 1,21 punti a partita per Donadoni: il suo Bologna si scioglie nell’ultimo quarto d’ora (ph. Zimbio)

Roberto Donadoni ereditò la panchina rossoblù da Delio Rossi dopo la decima giornata ed esordì al Dall’Ara il 1 novembre 2015 battendo per 3-0 l’Atalanta. La sua esperienza felsinea da allora lo ha visto protagonista in Serie A di 52 partite con un bilancio di 16 vittorie, 15 pareggi e 21 sconfitte che portano ad una media punti di 1,21 a partita. Non si tratta complessivamente di un dato particolarmente esaltante se si pensa ad esempio che il tanto criticato Frank De Boer nella sua breve esperienza interista viaggiava comunque a 1,27 punti a gara. Va poi sottolineato anche il netto calo di rendimento tra la passata stagione e quella attuale che vede il Bologna di Donadoni produrre appena 1,13 punti per ogni partita disputata. Complessivamente poi va anche ricordato il saldo delle reti che vede i rossoblù, sotto l’intera gestione del tecnico bergamasco, realizzare 50 gol (media 0.9) e subirne 63 (media 1.15). Lo sguardo però si deve concentrare ora sull’ultimo quarto delle partite della gestione Donadoni ed ecco che emerge un dato chiaro quanto preoccupante: nelle 55 gare finora dirette dall’ex asso milanista, il Bologna ha subito 27 gol nel finale di gara ovvero quasi la metà del totale ed ancor più precisamente 13 lo scorso anno più 14 nell’annata attuale.

STAGIONE 2015/16 STAGIONE 2016/17
PARTITAGOL SUBITIPUNTI PERSIPARTITAGOL SUBITIPUNTI PERSI
Torino-Bologna2-1Torino-Bologna2
Bologna-Napoli2Bologna-Cagliari1
Bologna-Chievo1-1Napoli-Bologna1
Bologna-Lazio1-2Bologna-Genoa1-1
Bologna-Sampdoria1Lazio-Bologna1-2
Frosinone-Bologna1-1Bologna-Sassuolo1-2
Inter-Bologna1Udinese-Bologna1-1
Bologna-Torino1-1Cagliari-Bologna1-2
Napoli-Bologna3Bologna-Napoli1
13-6Bologna-Milan1-1
Sampdoria-Bologna3-2
14-11

Ben 7 i gol segnati dal Napoli al Bologna nell’ultimo quarto d’ora delle ultime quattro gare (ph. Calciomercato.com)

Al netto di rose parzialmente modificate nel corso di questi quindici mesi, si può rintracciare un allarmante schema comportamentale nei rossoblù che troppo spesso vanificano gli sforzi profusi concedendo il fianco all’avversario a pochi giri di lancette dal traguardo. I 27 gol subiti sono divisi su 20 gare complessive e presentano come apici massimi le tre marcature patite a Napoli nell’aprile 2016 e quelle incassate per mano della Sampdoria domenica scorsa a Genova. Giocare in casa o in trasferta non influisce più di tanto sulla tendenza anche se va rilevato che sul campo del Torino sono state incassate quattro reti e che il Napoli ha praticamente banchettato sul povero Bologna rifilandogli ben sette gol in quattro gare proprio nel periodo incriminato. Il problema delle reti subite però risiede principalmente nell’effetto sulla classifica e finora il bottino smarrito negli ultimi minuti di gara è di ben 17 punti: 6 l’anno scorso e 11 nella stagione attuale. Ecco allora che la tendenza trova una spiegazione nel passato e non appare più come un fenomeno nuovo ma semplicemente come un peggioramento di una malattia già contratta. Si può davvero parlare di una degenerazione visto che se la scorsa stagione venne gettata al vento soltanto la vittoria contro la Lazio di gennaio, quest’anno sono già quattro i successi sprecati negli ultimi 15 minuti di gara: quelli contro Cagliari, Sampdoria, Sassuolo ed ancora Lazio.

C’è una preoccupante ricorrenza in questi eventi che sembrano indurre a pensare ad uno schema che si ripete puntualmente e che, a maggior ragione in un momento di grande difficoltà come quello attuale tra goleade subite ed infortuni, rischia seriamente di compromettere la validità del progetto tecnico portato avanti da Donadoni e dal suo staff compromettendone il futuro sulla panchina del Bologna.